Giornata Mondiale del Teatro: Lirico di Cagliari si appella a Draghi

27 Marzo 2021 -

In occasione della Giornata Mondiale del Teatro 2021, il Teatro Lirico di Cagliari ha inviato, ieri mattina 26 marzo, una lettera congiunta firmata dal Presidente della Fondazione del Teatro Lirico di Cagliari Paolo Truzzu, e dal Sovrintendente Nicola Colabianchi, indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Ministro della Cultura Dario Franceschini, al Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Christian Solinas, per richiedere l'apertura simbolica del teatro, ad un pubblico di 200 spettatori vaccinati. Riportiamo il testo della lettera.

Ill.mo Presidente Draghi,

E’ in corso in questi primi giorni del Suo nuovo Governo un imponente lavoro di organizzazione e logistica, unico nella storia del nostro Paese, per sottoporre a vaccinazione la popolazione italiana secondo il piano elaborato dal neo Responsabile il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo.

Una prova di straordinario impegno di uomini, mezzi e risorse che consentirà presto all’Italia di uscire dalla drammatica emergenza sanitaria di questo lunghissimo anno appena trascorso e che, purtroppo, a causa delle successive ondate e delle varianti, si protrarrà anche per buona parte del 2021.

Come ben saprà la Sardegna, unica Regione "bianca" fino alla settimana scorsa, è stata inquadrata nella fascia arancione in base ai parametri elaborati dalla cabina di regia presso l’Istituto Superiore di Sanità.

Il Ministro Franceschini aveva previsto per la Nostra Isola, in questa fortunata circostanza di sola Regione con incidenza virale particolarmente ridotta, la riapertura dei teatri in occasione della Giornata Mondiale del Teatro, il 27 marzo.

La possibilità concessa dal Ministro è stata accolta dal popolo sardo con straordinario entusiasmo, gioia e emozionanti aspettative.

Per la Fondazione che ci onoriamo di guidare l’idea di poter riaccogliere il pubblico in sala e offrire le produzioni provate con tanto amore dai nostri professori d’orchestra, dal coro e realizzate grazie alla perizia delle maestranze e degli apparati produttivi del nostro teatro, aveva acceso quella speranza che lasciava intravvedere un nuovo futuro di arte e di bellezza, una luce soffusa che indicava la strada verso l’uscita da un tunnel che nessuno di noi poteva immaginarsi di vivere. Tutto ciò oggi sembra affievolirsi davanti alla forza di un virus che riesce, nonostante tutto, a fare
breccia e a condizionare la vita dell’intero pianeta.

Vorremmo, seppure a titolo simbolico, continuare ad alimentare l’entusiasmo che proviamo noi tutti al solo pensiero di vedere un giorno riaprire i sipari e dar modo alla musica, e a tutte le forme dello spettacolo dal vivo, di sprigionare quella forza che solo le emozioni dell’arte vissute in presenza possono donare all’animo umano.

Considerato l’enorme sforzo compiuto fino ad oggi dal Servizio Sanitario Nazionale di vaccinare milioni di persone in condizioni di eccezionale difficoltà, Le chiediamo di volerci concedere, con
apposito provvedimento, l’ingresso in sala, nel rispetto dei protocolli e delle regole vigenti per prevenire la diffusione del contagio, di 200 cittadini, a titolo simbolico e quindi in forma totalmente gratuita, che siano già stati sottoposti alla doppia dose del vaccino.

Sarebbe un gesto di straordinario valore culturale e sociale e di coraggiosa resilienza e di ascolto per gli animi più fragili che attendono con impazienza di poter tornare a vivere, e mi riferisco in particolare alle persone più anziane che per prime sono state sottoposte a vaccinazione, oltre che di esempio per gli altri Stati membri dell’Unione Europea che potrebbero guardare all’Italia con ammirazione e con intento emulativo.

Una giornata di apertura sotto questo segno, di cui definire programma e data, potrebbe rappresentare certamente un momento indelebile nella memoria delle persone che, dopo altrettanti tragici scorci di vita sopportati senza poter muovere alcuna difesa, serberebbero un ricordo di umanità e di rinascita dal forte valore immaginifico.

Auspicando la massima attenzione nei confronti della presente proposta, Le formuliamo i migliori auguri per il lavoro che La attende e La invitiamo a visitare il nostro teatro non appena ne avrà le possibilità.